Giornale di Vic. 19/11

Giornale di Vicenza 19/11

 

Frana a Coghi, l'allarme non è ancora rientrato

Prosegue lo stato d'emergenza a Lusiana. La frana apertasi mercoledì sera lungo la provinciale via 7 Comuni ad un centinaio di metri dalla scuola elementare è per il momento stabile ma il cedimento del muro di sostegno della strada è sotto costante osservazione da parte dei tecnici di Vi. Abilità.
Si è invece aggravata la situazione in località Coghi con la frana che si è mossa di oltre 10 centimetri nella notte. Sul posto, oltre a tecnici comunali e provinciali, uomini della protezione civile e vigili del fuoco, anche esperti di una ditta feltrina specializzata nei consolidamenti. Ma pare che fino alla fine delle piogge, oltre 25 millimetri ieri che si sommano ai 126 dei due giorni precedenti, ci sia poco da fare per mettere in sicurezza le tre case della contrada e che le 13 persone che ci vivono dovranno ancora passare le loro giornate ospiti di amici e parenti.
La zona di Laverda è da sempre ricca d'acqua perché raccoglie le acque sorgive e piovane di mezza montagna. Ma anche i residenti più vecchi non ricordano una situazione simile. I tecnici parlano di un terreno oramai impregnato che non riesce più ad assorbire altra acqua.
Le strade sono ridotte a ruscelli rendendo la viabilità incerta; aggravata poi dai tombini bloccati dalle foglie che i violenti acquazzoni portano giù dai boschi. Pozzetti che gli operai comunali si prodigano a liberare, compito che gli oltre 150 chilometri di strade comunali rende difficoltoso.
Ed intanto le previsioni annunciano altra pioggia fino a fine settimana quando, con l'abbassamento delle temperature, tutti si augurano che il terreno in alto geli trattenendo così l'acqua che la satura fino alla prossima primavera.

Gerardo Rigoni

Frana

Frana a Coghi

Frana 2

Frana sopra contrada Bagnara