Gazzettino 02/10

mercoledì 24 febbraio 2010

Lusiana solidale con l'Abruzzo

 

 
 
 
LUSIANA Orgoglio e tante emozioni nel racconto dei volontari partiti dall’Altopiano per Villa Sant’Angelo
 
"Quella chiesetta in Abruzzo l’abbiamo rifatta noi"
 

Il progetto della comunità di Lusiana per la costruzione della chiesetta nel nuovo villaggio di Villa Sant’Angelo, il paese abruzzese più colpito, dopo Onna, dal terremoto, è stato portato brillantemente a termine. Nel racconto dei volontari, una decina, partiti dall’Altopiano si percepisce ancora tanta emozione. In Abruzzo hanno montato a tempo record il prefabbricato realizzato a Campomezzavia dalla ditta Janco Sas costruzioni in legno e bioedilizia. Emozione per il contatto con la gente del posto, il vedere da vicino le conseguenze devastanti del terremoto, il toccare con mano il dolore di chi ha perso casa e persone care. Ma c’è anche lo stupore nel trovare comunque grande calore e ospitalità. E l’orgoglio e la soddisfazione di guardare quella chiesetta in cima al colle e poter dire: “L’abbiamo fatta noi!” Thomas Passuello questa chiesetta l’ha vista nascere sulla carta e ne ha seguito la realizzazione passo passo. Una volta che Alpini e Protezione Civile di Lusiana gli hanno commissionato il lavoro, ci si è buttato corpo e anima. Il progetto è nato da uno scambio continuo di mail tra lui e l’architetto Vincenzo Tarquini. L’ingegner Angelo Passuello si è occupato del calcolo statico. Tutti gli elementi del prefabbricato, una volta pronti, sono stati caricati su camion e trasportati a Villa Sant’Angelo; un viaggio lungo 625 km. “Siamo arrivati lì il 27 novembre e abbiamo cominciato la costruzione il giorno dopo per terminarla la sera del 4 dicembre, lavorando sotto la direzione del caposquadra carpentiere David Passuello. Non ci hanno fermato né il freddo, né la pioggia, che in quei giorni non ci hanno dato tregua”. L’impianto elettrico è stato eseguito dalla ditta Ronzani Impianti, c’è stato poi l’intervento del lattoniere Renzo Ronzani, mentre i serramenti sono stati a cura della falegnameria di Mauro Cerato. La chiesetta è stata inaugurata, con la partecipazione anche di una delegazione lusianese, il 20 dicembre. “E’ stata un’esperienza molto faticosa, ma molto bella – dicono i volontari – I ricordi di quei giorni ci resteranno nel cuore"